ma anche no


ma io la vedo molto bene a farne un altro di mestiere, uno tipo il mio
2 aprile 2011, 00:34
Filed under: bll bb bll parlaci di lei
In questo periodo a studio – aka la compagnia dell’ansia – ci sono da allestire due mostre contemporaneamente e andrea me ne ha affidata mezza. Ovviamente non è che io stia facendo carriera o qualcosa di altrettanto figo, è solo che le mostre sono due e lui è uno, almeno finché la ruga tra le sopracciglia non gli sbucherà dalla nuca rendendolo bino. (word conosce la parola bino. La cultura di questo programma mi stupisce quasi più della mia ignoranza.)

Cantiere=sveglie efferate e stanchezza fisica e mentale così assoluta che mi tocca stare lontana dal computer per anche ventiquattrore di fila e allora vi dico una cosa alla quale voi non credete mai: c’è vita fuori dal mondo dell’internet! Tipo: persone! Con gli occhi! Che parlano! Che fanno le emoticons vere!
Ora, siccome il cantiere è a villa adriana, bisogna chiedere in prestito la macchina della mamma ed è tutto un gran casino perché la mia mamma va ai i corsi di coro polifonico ateo, di ballo ottocentesco a squadre e svariate altre diavolerie (questo preoccupante bisogno di socialità mi fa chiaramente capire che sono stata adottata) e quindi o torno in tempo per il corso di miniature con i piedi o mi fa sentire una persona orribile.
Così di questi tempi noi si prega molto perché l’A24 sia sgombra, visto che andare via dal cantiere prima delle sei vuol dire fare male il mio lavoro e quindi essere in ogni caso una persona orribile e insomma, ci siamo capiti, ci siamo intesi.

Il cantiere delle mostre è faticosissimo perché devo stare tutto il giorno in piedi a trottare dal un capo all’altro della villona –bella, sì bella, beata me, come no- ma soprattutto perché devo parlare con un casino di gente tipo il responsabile della sicurezza, la ditta, i trasportatori, i grafici, gli accompagnatori e molti mica sono miei amici e allora mi scusi ma si figuri ci mancherebbe e cose così.
Poi vogliono tutto contemporaneamente e io ho sempre la mia credibilità da pony express per cui, anche se l’altro giorno c’è stato il simpaticissimo momento di ‘lei è l’architetto… l’architetto claudia’ oggi ho rimediato due ‘dottoressa’ e un ‘signorina’.
Ho fatto un po’ amicizia con gli operai che sono dei ragazzoni simpaticoni che hanno le tasche piene di avvitatori rondelle e livelle, anche se probabilmente pensano che io sia la figlia del bidello in vacanza.
Comunque.
Stasera, dopo aver affrontato la stazione ad elevata automatizzazione (dove si infilano i soldi e poi ti dà il resto! mica quella con bancomat, che è facile! oh, questa è difficile) pensavo che sto diventando come andrea, ché tutti dicono ehh, abbiamo solo venti pezzi, oggi finiamo, e invece dico mah insomma (ora, giusto per la cronaca: quella che noi tutti amiamo definire la solita pessimista di merda, ci aveva ragione, gne gne gne) ché faccio rispostare le robe per mezzo centimetro, ché faccio la faccia sconsolata e concentrata insieme, ché non me ne vado finché non è rimasto nessuno.
Insomma, sto qui che mi tocco lo spazio tra le sopracciglia in attesa di mutazioni genetiche per traslazione.

Annunci

5 commenti so far
Lascia un commento

cara la mia appuntata mazzolina, io quando ricevo dei "signorina" faccio dei salti carpiati, quindi goditi il momento.
ma se te ne vai per ultima e sono le sei passate e la mamma si perde il corso di punto croce e delizia, le dai lezione tu?

Commento di cantoediscanto

mi piace il fatto che dovresti tentare di "darti un tono" e fai amicizia con gli operai :)
l'altro giorno ho dovuto ricaricare la tessera automatica dei mezzi pubblici di milano e ho quasi pianto davanti alla macchinetta, vedi tu

Commento di lise.charmel

allora non sei tanto Sheldon se riesci a farti ischerzare dagli operai.
perche metti i trattini così -che non mi piace per nulla proprio- anziché così – che mi piace assai di più – perché perché?
sai com'è, ho imparato a usare bene (bene è forse un po' impegnativo) gli accenti leggendo questo blog.
posso forse andarmene senza una citazione? macché.

"I must say Amy, pretending to having intercourse with you has given me a great deal of satisfaction." 
"Slow down, Sheldon, I’m not quite there yet."  

Commento di pappinap

Ciao amiche.
un bacino a canto perché coglie tutte le citazioni e uno a lise perché commenta imperterrita e uno a pappinapperché sono davvero orgogliosa degli accenti e correggo subito!

Il giorno che dovevo andare all'inaugurazione della suddetta mostra mi hanno fregato al borsa con dentro tutto ciò che possedevo, quindi non sono andata all'inaugurazione ed è una settimana che giro per questure e mi rodo il fegato in un modo che secondo me voi non ve lo immaginate.
Ah, la borsa era di mia nonna.

Commento di laclauz

ciao capelli luridi. spolveravo splinder per le pulizie si primavera.

Commento di pep.




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...