ma anche no


categoria: ah bè.
21 giugno 2010, 16:25
Filed under: mai piu senza
Vabbè.
I lunedì, porcazozza, ci si abituerà mai?
Parliamo del fatto che fa freddo per essere estate o che il mondiale è moscio?
No perché al tg 1 erano le prime due priorità priorissime.
A me dei mondiali me ne frega quanto della balistica venatoria, però l’evento in sé mi dà da pensare sulla mia involuzione come animale sociale.
Ovvero: un tempo, quando avevo degli amici (quando?) la partita era uno scassamento di maroni però era un’occasione di simpatica convivialità, di patate fritte, progetti e piaggerie. Ora invece la partita, quando mi dice bene, è un pomeriggio con gente che sonnecchia circondata da disgustosi teletubbies gonfiabili, sedie mammut dell’ikea e copie sparse di amici del bosco, amici della fattoria e amici del mare –nuovo! in versione impermeabile!
Insomma, progressi.
Da questi rendezvous ho dedotto che dovrei presentarmi alle selezioni “c’è un limite ai chili di cocomero che un essere umano può ingerire?” perché secondo me ho delle significative possibilità di trionfare. Il melone invece non mi piace, quindi se c’è una gara combi mi chiamo fuori, grazie grazie ma non me la segnalate.
Comunque per la categoria simpatiche osservazioni sulla dieta abbiamo oggi: sai quando si arriva alla tua età è meglio essere un po’ in carne, dovevi dimagrire da giovane.
Ehhh.
Annunci


critiche costruttive
14 giugno 2010, 17:23
Filed under: bll bb bll parlaci di lei
"vuoi un altro po’ di lasagne?"
"mamma, ho già preso due chili…"
"vabbè dai, i grassi sono più simpatici"
"…"


niente di nuovo sul fronte occidentale.
3 giugno 2010, 01:44
Filed under: mai piu senza
Or ora uno su anobii mi ha pubblicamente chiesto se sono una brillante diciottenne.
Nonostante un senile riflesso condizionato lì per lì mi abbia inorgoglito, quando ho fatto la sveglia pensata che non mi ha mica visto e vuol dire solo che mi reputa cerebralmente un’adolescente, ho seriamente riflettuto se offendermi irrevocabilmente o no, ma ho deciso per il no perché, porca di quella zozza, è disgustosamente vero.
Ora però, se ci lavoro per bene, ho un bel senso di colpa nuovo di zecca con cui divertirmi stanotte.

Comunque: siamo qui per riaprire il fortunatissimo concorso consiglia un libro bellissimo di un autore non americano a laclauz e, per l’occasione  -rullo di tamburi-  riapro la libera commentatio. Ovviamente è l’occasione giusta per farmi delle pubbliche dichiarazioni d’ammore, però il primo che scrive laclauz siamo un po’ ingrassati, eh, ritornano le SS, ci siamo intesi.
Non mi fate innervosire, ché ci ho il progesterone basso.
("sai che novità!")

E ora un omaggio ai due punti: non sono un segno d’interpunzione meraviglioso?
Viva i due punti, tutti hanno bisogno di due punti.
Molto più che di punti.
(Trova la metafora, trova, adesso)