ma anche no


wishlist
27 febbraio 2007, 21:42
Filed under: mai piu senza

Cose che a me proprio piacerebbe saper fare

1. fischiare
2. alzare il sopracciglio
3. suonare il basso
4. fregarmene
5. quando perdo non star lì a mandar giù fiele

Questo è quanto.
Statemi bene, io torno nel mio accogliente loop.

Annunci


e non c'√® modo di fuggire, mai, mai
20 febbraio 2007, 14:29
Filed under: puttanate intimiste

io sono perso

sono confuso

tu fammi posto

allarga le braccia

dedicami la tua notte

la notte successiva

e un’altra ancora

dedicami i tuoi giorni

dedicami le tue notti

oggi

domani

ancora.



e comunque francesca neri ne fa 43.
10 febbraio 2007, 02:21
Filed under: bll bb bll parlaci di lei

Primo.

Secondo.

Terzo.



if you close the door
5 febbraio 2007, 17:43
Filed under: mai piu senza

Insomma, qua, si batte la fiacca.
Mi rendo conto che io pure non aiuto.
Ma che ne so, mi vengono in mente solo cose tristissime in cui mi rotolo a guisa di scarabeo stercorario.
Un po’ sì, un po’ così, mi balocco con pensieri idioti come al solito ma più deprimenti.
Poi oggi magari no, ché a volte ci sono anche questi giorni qui, che c’è il vento, c’è il blu, che sei in vespa con "shuffle mode", che ti senti che te la vuoi vivere tutta, e allora lui mi mette in sequenza alive/boys don’t cry/
puramente casuale/what ever happened e io penso epperò.

A parte questi attimi di gaudio, solita melma infame: nessun lavoro, nessuna casa, nessun fidanzato, nessuna reflex.
Però faccio una mostra di foto, forse.
L’avevo detto?
Non l’avevo detto.

Eh.
"Avresti dovuto essere contento, mi diceva la voce, ero contento, gli dicevo, solo, pensavo, succedeva un fenomeno strano. […] Ti eri abituato al tuo ruolo e stavi nei tuoi panni, come si dice, adesso che si è aperta la porta, ma chi sei? cosa devi fare adesso? Non ti ricordi nemmeno perché la volevi aprire la porta. Cosa ti interessava, questo appartamento? Un po’ così, le spiegavo alla voce."

(perché fare la fatica di cercare le parole quando c’è qualcuno che le ha già trovate e messe in fila molto meglio di me? Mi scuso per la punteggiatura probabilmente errata, ma ho il libro via)
(sì vabbe’ ma la smettiamo un po’ di parlare dei fatti tuoi? grazie.)



la tua coda di ricambio
3 febbraio 2007, 16:03
Filed under: mai piu senza

A me piacerebbe tanto avere la coda.
Così non dovrei cercare di spiegare i miei stralunamenti emotivi.
Poi dovrei spiegare perché ho la coda, vabbe’, ma io sto parlando di un mondo ideale in cui tutti abbiano la coda.
E il pelo bello come i gatti, ché così niente depilazioni, niente sciampi, niente scottature, niente rughe e tutto bello da accarezzare.
Già che ci sono, anche le fusa, non sarebbe male.

Io dico, ma con tanti utili gadget a disposizione, perché gli umani hanno solo un accessorio pernicioso come il cervello?