ma anche no


memories
17 novembre 2006, 13:49
Filed under: bll bb bll parlaci di lei

Vabbe’, zidane è tornato e è anche ripartito, aveva un maglione a righe arancioni e marroni e io verdi e marroni che facevamo tanto l’ape maia e uilli. Uilli, già, che davvero ora è il caso di chiedersi  che ruolo avesse. Secondo me era un precursore del -dimodissima- amico gay. Comunque il ragno dell’ape maia mi faceva una paura che quasi quanto la strega di biancaneve.

L’ape magà invece non la seguivo, una stracciacazzi lagnosa che manco io.

Poi a me gli insetti fanno un po’ schifo. Un po’ molto, eh.

Tipo che io quando potevo esprimere un desiderio esprimevo spesso che tutti gli insetti andassero su altro pianeta, e questo a posteriori dà da pensare al mio nobile cuore che mica li voleva morti, solo trasferiti.

Comunque non si è realizzato, mi sento di confidarvi.

 

Io mi ricordo che c’avevo il cervellino che friggeva sulle paranoie del futuro fin da piccolissima, quando guardavo i cartoni pensavo sempre come si fa a non aver più voglia di guardare i cartoni? Cioè come funziona questa cosa che non li guarderò più neanche io? Grande preoccupazione mi dava, questo pensiero. Poi però lo so perché ho smesso, perché hanno cominciato a fare dei cartoni animati brutti brutti brutti, in cui non ci si poteva immedesimare.

Ah, ora tiriamo fuori dei dettagli trash della mia infanzia – interessantissimo.

C’era questo cartone di una ragazzina che si trasformava in una maga con dei vestiti da bordello grazie a un formidabile braccialetto magico e io, nella mia infinita operosità, lo avevo riprodotto paro paro, un accrocco di plastica e carta che levati, e mica per i miei piaceri privati, no no, ci giravo per strada, eh, parecchio tronfia.

Insomma, ciccio, lo sai dove sto andando a parare, vero?

Eh, che questo braccialetto lo avevo fatto anche a ciccio e così andavamo in giro a trasformarci nei camerini dei negozi e poi il giorno dopo si recensiva, con un certo fare annoiato da vecchie bancarie, quante volte c’era toccato trasformarci e in cosa e che dura la vita della trasformista, eh.

Ma era con le bambole che davo il meglio della mia vena istrionica. La storia era di solito che uno degli infanti stava morendo, bisognava fare una spedizione in antartide per salvarlo e allora, siccome io ai dettagli c’ho sempre tenuto, si andava in terrazzo in pieno inverno con questo codazzo di bambole intabarrate e si intraprendeva una drammatica spedizione farcita di non ce la potremo fare mai, resistete ma che di solito finiva tragicamente.

Che soddisfazione.

 

Poi a dodici anni, quando mi sono innamorata di mr.G, ho partorito un gioco assolutamente geniale, in grado di conciliare la mia passione per mr.G con quella per le scatole di pennarelli. I protagonisti eravamo tutti noi sotto forma di pennarelli, il ciccio oltre che il suo aveva, ovviamente, il ruolo di mr.G (che pazienza quella donna, seriamente) poi c’erano una serie di personaggi collaterali tipo il nonno di cicciabum che era il pennarello marrone. Di solito ne venivano fuori delle trame pericolosamente in bilico tra il surreale e il sarcastico, mi ricordo delle risate ma delle risate che, eh, quasi quelle che ci facciamo ora quando parliamo delle nostre situazioni sentimentali.

Uhm.

Mi sa che è il caso di ritirarli fuori, i pennarelli.

Annunci

49 commenti so far
Lascia un commento

scrivi dei post strappacuore. credo di amarti.

Commento di Vertigoz

bello il post.

Commento di andreasalonicco

bello il post. Ma il fatto che tu in età prescolare fossi la fidanzatina di ardez, mi sconvolge.

Commento di greenwich

diamine, è sabato pomeriggio e non sei su msn.
ancora problemi con la rete?

Commento di junior

tra l’altro dimenticavo di aggiungere che forse non tutti sanno che alcune comunità del centroamerica untempo adoravano l’ape maia

Commento di junior

tirs tirs
resentment resentmen
crocodile’s tirs

Commento di Vertigoz

(‘resentment’ per me stava per ‘pentimento’. ho poi scoperto che non molti dizionari la pensano allo stesso modo : /)

Commento di Vertigoz

miei fedelissimi, grazie di esserci anche in questi momenti duri di sette commenti.

andreasalonicco: grazie, a me non pareva un granché a dire il vero, ma me mentitemi pure, lo apprezzo sempre

green: prescolare non tanto dai. Per questo tra me è ardez è rimasta un po’ di tensione, da allora.

junior: io ti vieto di venire a dire quelle tue cose da mentecatto pure qua.

vertie: devo mio malgrado ammettere che crocodile’s tirs è bellissimo

Commento di laclauz

Green, è una storia triste, lei, in seconda elementare:

“The problem is all inside your head, she said to me
The answer is easy if you take it logically
Id like to help you in your struggle to be free
There must be fifty ways to leave your lover”

Ricchi premi e cotillons [gentilmente offerti da Lamente’s Lamento Ltd.] a chi coglie la citazione.

Commento di ardez

ahahaha bellissima la spedizione in antartide come si chiama, non so come scrive mi confondo sempre tra t e d

Commento di Stormeyes

madonna la domenica, che non è.
Ci sono delle volte che mi sembra che quel che vorrei io, eh, quello, proprio non ci sono vicina neanche tanto così.

E ho anche dieci commenti.
Che merda.

Commento di laclauz

we are in the same boat, we are

Commento di Vertigoz

Ognuno ha i commenti che si merita, diceva quello che nel suo ultimo post ne ha uno.

Io ho smesso di guardare i cartoni (animati, eh!) quando Bonolis ha smesso di fare BimBumBam e s’è rincitrullito.
Non s’è ancora ripreso da allora.
E neanche io.

Commento di pacomino

eh, bonolis non me ne parlare, è stato un colpo durissimo anche per me.
Mi aspetto da un momento all’altro uan alla conduzione di porta a porta, ormai.

Commento di laclauz

e comunque non vi voglio bene, eh, ma per niente proprio.

Commento di laclauz

L’importante è suscitare un sentimento. E’ l’indifferenza la cosa brutta, come insegnava il mio omonimo marchigiano.

Commento di ardez

Io invece giravo su me stessa sperando di diventare wonder woman, ogni tanto ci provo anche adesso… vuoi mai :)

Commento di elesole

Mi ricordo io da piccolo ogni tanto facevo di quelle discussioni con gente nella mia testa, da non credere. Poi dopo ero anche stanco, per tutte le tribolazioni, starci dietro a tutti, convincerli di cose, che giornate certe volte.
Invece adesso che son cresciuto, uguale.

Commento di zoca

E comunque io CE lo dico alla maestra, che non ci vuoi bbene.
Ecco.
(anzi, guarda, avevo comprato un chupachups pannaefragola apposta per te, e invece mi sa che lo regalerò alla ragazzina dai capelli rossi…)

Commento di pacomino

eh, a me lo dici.
stralci di quotidianità.

Che allora io ho alzato gli occhi Ragazze, ho detto rivolto alla mia testa, ho dormito poco son anche di malumore io vi lascio star lì sulla mia testa basta che non scassate i maroni.

(Paolo Nori, per gentile concessione di chandler bing del profondo nord, senza occhiali ma non perché glieli ho spaccati)

Commento di laclauz

Pare che Ardez conservi ancora il bigliettino spiegazzato in cui la clauz gli chiedeva:

“Mi Vuoi? Quadratino A: Si. Quadratino B: No. Quadratino C: Ci rivediamo su un blog quando passi la trentina”.

Commento di SoulKitchen

se mo’, “mi vuoi”.
Io ero furbissima fin da piccina, mai mi sono dichiarata in tutta la mia tapina esistenza, sia mai che poi mi dicessero ci vediamo sul blog passata la trentina.

Commento di laclauz

amore mio lontanissimo, ma tu la trentina non l’hai passata, ergo stai in una botte de feRo.

Ma ti aspetto al varco.

Commento di ardez

Comunque se dovessi fare i quadratini, di questi maturi tempi,
Vuoi solo me nient’altro che me e un paio di stecche di cioccolata lindt?
A. sì.
B. sì
C. sì
(barrare il quadratino corrispondente. Non valgono segni di spunta, X o penne bic. Non saranno presi in considerazione: i calvi, quelli che scrivono i post su come sono le donne, quelli convinti di essere molto sagaci, quelli che chiedono un autografo per la firma, quelli che troia o sposa, quelli senza patente, quelli che non riciclano la carta e il vetro, quelli che si interessano di motori e automobili, quelli che tutti sono uguali tutti rubano nella stessa maniera, quelli che io lo so come sei, quelli che danno i consigli, quelli che io sono un po’ pazzo. E sicuramente molti altri.)

Commento di laclauz

amore mio lontanissimo, ma tu la trentina non l’hai passata, ergo stai in una botte de feRo.

Ma ti aspetto al varco.

Commento di ardez

“quelli senza patente” mi pare una categoria pretestuosa, buttata lì senza motivo alcuno. mi pare a me eh

Commento di Vertigoz

Vabbé, allora non prendermi in considerazione.
Io chiedo un autografo per la firma, che c’ho i clienti che poi si gasano che si sentono famosi.

P.S.: per le stecche di cioccolata posso partecipare lo stesso?
Eh?
Eh?
Eh?
Uff…

Commento di pacomino

ha detto fratemo piccirillo arduccio: pregasi aggiungere la…

D. manco morta!!!

Commento di nuDear

Site delle creature orribili voi, tutti, è inutile che vi nascondete vi vedo benissimo che leggete a sbafo.
Noia e disperazione.

Commento di laclauz

@ ardez: simon & garfunkel, fifty ways to leave your lover …

Commento di Riflessioni

Riflessioni ha vinto un frigo. Prego rivolgersi alla segreteria di Lamente’s Lamento Ltd…Sperando che non risponda nessuno.

Laclauz, sei più lamentosa del solito. Cos’è, la qualità o la quantità che non ti soddisfano?

Commento di ardez

il gioco coi pennarelli lo facevo anche io, però usavo tutto: matite, gomme, temperini, pennarelli. l’astuccio era di quelli rigidi e diventava una casa.
che figata.

lo facevo sicuramente alle elementari, forse anche alle medie, ma delle medie non ricordo quasi niente perché è stato un periodo tanto brutto che dopo 15 anni me lo sogno ancora.

anzi me lo incubo, che rende l’idea.

Commento di gagrito

leggo un po’ in ritardo e a fatica, ché tenere il filo dei commenti e controcommenti è penoso.

Non che mi interessi punto, ma giusto per curiosità:

“Non saranno presi in considerazione: i calvi, quelli che scrivono i post su come sono le donne…”

Rasarsi a zero piuttosto che sopportare i capelli che iniziano a diradarsi conta come essere calvi? E, se uno alcune donne ha capito come sono e lo scrive, conta come se fosse presuntuoso su tutte?

Commento di nomdart

ardez: utramque

gagrito, no puedo creerlo: non sono l’inventrice unica del gioco dei pennarelli! Carramaba, sorella.
(ma il pennarello marrone, chi era da te?)

nomdart: sì e sì.

Commento di laclauz

non ricordo, ma forse quelli troppo scuri li eliminavo dal gioco.

Commento di gagrito

caspita, io sono pelato, mi interesso di motocicli e motocarrozzette e do un sacco di consigli.
secondo me lo scrivi solo per covincermi a restare chiuso dentro casa quando viene la sera

Commento di junior

che periodaccio per i commenti, comunque. Io il nuovo post non lo scrivo, così imparate tutti.

Commento di laclauz

vabbè, però io per quanto scriva fregnacce mi arrogo di diritto il ruolo di commentatore benemerito, porcatroia. Ora esigo un riconoscimento.

Commento di ardez

sì ma con te i rapporti sono un po’ tesi per via di quella storia della tormentata relazione prescolare

Commento di laclauz

io con i pennaqrelli ci coloravo…dite che è normale???

Commento di MrsOlga

senti, cara, io vorrei tanto ma proprio tanto linkarti, che ogni volta che ti leggo dico: porca troia la clauz mi fa ammazzare
e pure te però perché cavolo non metti il link x intelligenze sottosviluppate, quello chiaro “linkami”??? No perché in altri modi non ci risco e non è che posso pagare ogni volta 30 auro di tecnico solo x linkare, eh

Commento di MrsOlga

Olga, tu non meriti manco Splinder.

Laclauz, sweetheart, rimedierò, vedrai. Intanto che penso al come mi scòfano del pollo affumicato confezionato e un bloody mary, eh.

Commento di ardez

allora, cara, io ti ringrazio, ma io non so di nessun bottone, so che nella homepage vai alla sezione blog, sottocartella link e scrivi l’indirizzo.
Non è così?
Io faccio così, poi però so anche di gente che non scrive html se leggendolo al contrario non si crea la proiezione ortogonale su un piano obliquo di una crostata.
In quel caso, eh, io ho preso 23 a geometria descrittiva.
(ebbene sì.)

Commento di laclauz

perchè una crostata?
voglio provare il brivido di entrare nella mente della clauz ;-)

Commento di Vertigoz

l’ape maia va, curiosa e piccola, l’ape maia va, all’avventura, l’ape maia va e mai paura non haaaaaaaaaaa……!!!!!!!!!!!

una delle più belle canzoni del XX secolo…la canto sempre a squrciagola in macchina e non mi hanno ancora internato…viva la legge basaglia!!!

Commento di dugongo

in casa lamente’s lamento siamo lieti di annunciare che abbiamo trasformato il bottone arancione, inutile ma bellino, in un tasto “linkami linkami tutta”, perché vogliamo bene a mrs olga ma soprattutto perché è sempre bene ampliare il parco cerebrolesi.
Viva la tecnologia.

Commento di laclauz

ecco, avevo commentato che mi sentivo moolto più intelligente dopo essere riuscita a linkarti, ma mi sono persa il commento..cioè, è da qualche parte, nel tuo blog

Commento di MrsOlga

eh, è al post sotto: è inquietante, ma anche sconvolgente e a tratti allucinante che io abbia commesso il medesimo errore nel blogghe tuo.
Siamo dei casi umani, temo.

Commento di laclauz

Confermo.

[io, un altro caso umano]

Commento di ardez




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...