ma anche no


contento perché so che il tempo che non ho non ci dividerà
5 agosto 2005, 10:10
Filed under: puttanate intimiste

ho avuto tempo di capire che non c’è
mai abbastanza tempo per decidere
quale strada seguire da che parte del mondo guardare
ho avuto modo di intuire che è così
talmente semplice quasi lineare
basta avere coraggio nelle curve più difficili
e questa lingua d’asfalto
ma chissà dove mi porta
con questo stare davanti
se riuscirò alla fine a farmi del male
alla luce del giorno
che non illumina tutto
e questo perdere i sensi
senza neanche un motivo

lascia che si liberi
la vera entità delle cose
slegami
e non avere più
paure

***

robaccia blues intimista,
ma secondo me ve la siete meritata tutta.
Buone vacanze, cialtroni.

Annunci


it's all the streets you crossed, not so long ago (il post vero, sotto stavamo a giocà)
1 agosto 2005, 16:44
Filed under: mai piu senza

1. perdo e ritrovo il portafogli con una consuetudine imbarazzante. Grazie al tipo, che non ho visto e dunque era verosimilmente brad pitt, che me lo ha riportato fino a casa e grazie anche per averci lasciato dentro i venti euri che coi tempi che corrono abbiamo bisogno.

2. ho i ricci del soggettivismo, questo vuol dire che non capisco un cazzo, anche se mi sembra sempre di aver capito tutto. Cristo, è orribile, ma è proprio così.

3. questo weekend ci sono state delle persone che mi hanno fatto stare bene, e io gli sono parecchio riconoscente dunque me li sbaciucchio tutti sulla faccia diffusamente, che chi l’ha provato sa che sono brava in questo, chi non gli è piaciuto è un povero di spirito e di guance, chi non l’ha provato evidentemente non se lo meritava, si impegni di più o diventi un gatto.

4. ma quanto è buono il maxibon sullo stecco, (da non confondere con l’orrido fallimentare esperimento di marketing maxistecco)? (non distraiamoci. risposta: tanto)

5. io ci rimango troppo male, io ci rimango sempre male, io sono fatta male, troppo male, minchia, lo so.

e l’ho buttata in caciara anche oggi, olè.



first to fall over when the atmosphere is less than perfect
1 agosto 2005, 14:02
Filed under: puttanate intimiste

dico quel che penso
e faccio quello che dico
l’azione è importante
siamo uomini troppo distratti
da cose che riguardano vite
e fantasmi futuri
ma il futuro è
toccare
mangiare
tossire
ammalarsi d’amore

***
ma che ne so.
io c’ho una confusione in testa che lo so solo io.