ma anche no


message in a bottle
27 giugno 2005, 11:03
Filed under: mai piu senza

Il mio primo telefono l’ho avuto in regalo quando ormai senza telefono eravamo solo io e i lattanti ancora incapaci di emettere suoni, tre anni fa (tre anni fa è una data cruciale della mia vita, tenetelo a mente che è quesito ricorrente d’esame, non importa se l’ho già chiesto a quello prima)
Il mio primo telefono l’ho perso durante la manifestazione 14 settembre 2002, mentre De Gregori cantava bufalo bill.

Il mio secondo telefono era identico al primo, per non farmi tanare da me stessa che l’avevo perso in modo balordo. Il mio secondo telefono si è rotto la sera che avevo deciso che rivedere sick boy poteva essere una buona idea. È necessario aggiungere che non lo è stata? Mi sa di no, eh.

Il mio terzo è attuale telefono è dunque identico ai due trascorsi, sempre nello scaltro tentativo di gabbare me stessa sulle precedenti dipartite, solo nel frattempo hanno cambiato il software, per farne uno nuovo ovviamente molto molto più furbo e utile.

Vado a illustrare come si fa ad inviare un messaggio tramite questo telefono, così, tanto dare un barlume dell’acume di questi sagaci progettisti di software.

Scrivere il messaggio è già di per se un’impresa, perché se io voglio scrivere chessò, REME, lui in barba ai miei sentimenti gentili scrive PENE, se poi durante la stesura dell’augusto testo il telefono dovesse squillare o ricevere un altrui messaggio, o fare qualsiasi altra cosa, comprensibilmente tutto ciò che stavo scrivendo andrà perso e dovrò ricominciare da capo (un sera, giuro, ho dovuto ricominciare tre volte, ed era uno lunghissimo di quelli ricchi di parole difficili convertibili in pene).

Insomma, ammettiamo pure che dopo circa tre quarti d’ora, io sia riuscita a venire a capo degli imbarazzanti refusi e a scrivere ‘sta cippa di messaggio: a questo punto inizia la danza dell’indecisione, che se un minimo un minimo sei in dubbio se questo messaggio vada mandato o no, come dire: non aiuta.

Procedura da seguire:
bottone destro: ok
bottone destro: rubrica
scorrimento rubrica
bottone destro: aggiungi
bottone attenzione! sinistro: fine
bottone destro: ok
bottone attenzione! sinistro: fine

bottone destro: scegli

a questo punto invierà il messaggio con delle fondamentali gif animate di una clessidra che io dico beh, se non ci fosse questa clessidra, eh in effetti quanto mi annoierei in questi due secondi, non si può immaginare, eh.

Ma la parte che preferisco viene adesso.
Invece di chiederti se vuoi salvarlo o meno, lui lo salva automaticamente, e vabbe’.
La prima opzione se selezioni un messaggio inviato è: re-invia, segue devia, e poi cancella (cancella è comprensibilmente fuori dal display, bisogna scalare tutte le opzioni per arrivarci)
Ora io dico.
Ma in quanti balzani casi della vita un essere umano ha la necessità di rinviare lo stesso messaggio alla stessa persona? Non è che è un filo più semplice che voglia cancellare i duecento mamma vado a prendere il pane, piuttosto che riavvertire la mamma duecentoventisette volte? soprattutto considerando che questo telefono tra inviati e ricevuti, più di sei messaggi in memoria non tiene, e quindi ‘ste risolute epurazioni vanno fatte spesso.
Fatto sta che ovviamente io più o meno a tutte le persone che conosco ho mandato lo stesso messaggio due volte di fila a distanza magari di un giorno, creando, capirete, anche numerosi incidenti diplomatici.

Poi, se proprio hai deciso di imperterrito perdurare nella tua lotta per la cancellazione, comincia un’altra danza demenziale con un alternanza di bottoni destra e sinistra e domande incrociate tipo sei sicuro di volere cancellare? ma proprio sicuro sicuro? Allora non lo cancello?

Fosse mai che programmassero l’opzione a mio parere unica di essere acclusa: un messaggio audio, animato con sonore risate, che ti avverte a CHI a hai scritto ieri dal pieno dei fumi dell’alcool quel “rose rosse per te ho comprato stasera”. Di solito al capocantiere, o a qualcuno di altrettanto inappropriato, creando incidenti diplomatici degni dell’assassinio di Sarajevo del 1914.

Dulcis in fundo, questo telefono prende le iniziative: lui telefona da solo a chi preferisce, che non necessariamente è chi preferisco io. Questo non perché non abbia i tasti bloccati, no, siccome illo è un telefono che si chiude, la spiegazione è una sola: illo è un telefono molto autonomo. Spesso e volentieri durante una telefonata lui molla tutto e chiama un altro, così, probabilmente perché si sta facendo due coglioni, vai a capire.

Fatto sta che tutto ciò viene sopportato da questo oggetto malefico e demenziale perché è bello. Ma bello bello. Bello tale che lo fanno uguale da tra anni, bello uguale che non diresti mai che è uno di quegli oggetti con bottoni numerati.

Sono un’esteta.
Altrimenti detta, un’idiota.

Annunci

30 commenti so far
Lascia un commento

mamma vado a prendere il pene ;-)

(chiaramente nel senso di: mamma vado a prendere reme …)

Commento di Vertigoz

chi nomina il mio nome invano?
tutto ciò sarebbe come dire che chi dice reme dice pene. e dire che il mio nomignolo è il frutto di una decisione repentina e immotivata (cioè, se avessi scelto con coscienza mi sarei chiamata direttamente pene)

Commento di reme

cavolo, m’hai fatto venire la curiosità. ma che telefono è?
la mia amica ha detto del mio: “fossi in te ne comprerei uno nuovo, quello lì lo terrei come oggetto di modernariato”. e non scherzava. ma non lo faccio per posa, è che non ho voglia di entrare in un centro telefonini. ho paura che poi me ne farebbero comprare uno tremendo, drogandomi di aria condizionata.

Commento di anonimomichele

Per curiosità, che materia insegni?

(Innocuo e barbaro essere femminile in pausa pranzo)

Commento di glancetoday

Vertigoz: il mio refuso prediletto fu “usciamo con pene supergiovane” questo telefono esprime il mio subconscio, e costa anche meno dello psi psi

reme: tutto ciò sarebbe come dire che chi dice reme dice pene perchè saresti la mia fidanzata, sennò? ;)

anonimomichele: ma che telefono è? questo è l’oggetto del concorso. Però non mi dite il nome perché non lo so,
chi posta la figurina giusta vince, chi lo conosce non vale, ovviamente, si vincono foto di laclauz nuda su sfondo di cellulari, come quella di american biuti. (e poi piovono cellulari tutto intorno, e le cascano addosso facendo lividi ovunque, perchè le mie fantasie si risolvono sempre in disgustosi ipocondriaci siparietti medici)

glancetoday: a parte telefonologia, dici? ;) Capperi, perché lo vuoi sapere? Tom Ponzi indaga: vuole verificare le mie competenze? vuole corrompermi? ha un infiltrato in facoltà che mi sta sputtanando? circospezione, circospezione.

Commento di laclauz

hai un motorola?

Commento di NaN

E’ evidente che il tuo telefono è posseduto.E che il t9 è una fregatura. K
(ma si chiama t9?)

Commento di utente anonimo

assassinio di serajevo? non era il 1914?

Commento di utente anonimo

NaN: da che lo deduci? (fo-to!)

K: cos’è il t9? il mio telefono è posseduto, e non da me.

82.53.157.139: grazie della precisazione, le mie nozioni di storia sono assolutamente vaghe e lacunose, come di tutto il resto del resto (mi vengono così, eh), correggo immantinente.

tutti gli altri: oh, ma volete commentare? ho scritto un post della tecnologia per fare la colta e voi mi ricambiate così? ma vi pare modo?

Commento di laclauz

Escludendo telefonologia a priori, era una domanda senza tanti perchè. Poteva comunque andarmi peggio. Tipo un paragone alla figlia di Tom Ponzi, che indaga uguale, ma è notevolmente più brutta.
S.G.

Commento di glancetoday

Il t9 dovrebbe essere la scrittura automatica. Flagello dei tempi moderni. quello che scrive pene per reme, per intenderci. Se il telefono è posseduto occorre un esorcista, o un cambio di telefono. Con tutte le conseguenze del caso. K

Commento di utente anonimo

(e comunque quello di cui a questo non mi pare un post sulla tecnologia)

Commento di utente anonimo

vai a capire perchè ogni volta che scrivi cose del tipo: “oh, voialtri, volete commentare?” non riesco a chiudere questa finestra senza lasciare un commento.

volevo scriverti che secondo me hai un nokia – il nokia c’ha un design sempre bello e simmetrico e pulito e fa molto architetto – ma ora che ci penso ha un font troppo grande per i tuoi gusti.
difficile questione, molto difficile.

Commento di camilla_lo

glancetoday:tom ponzi sono io altrimenti detta private eye perchè sono una creatura furbissima. lavoro all’università a architettura, dove sfrutto imberbi platee per soddisfare le mie manie di protagonismo

K: se cambiassi telefono ora, credo che la furbissima creatura che in me mi tanerebbe, e poi magari vengo anche chiamata disquisire riguardo alle precedenti dipartite. E comunque tu i post sulla tecnologia non sai che sono, gne gne gne

camilla_lo: ehm, si evince per caso quanto adoro fare leva sui sensi di colpa altrui? So che il nokia, per quel che proviene dalle mie davvero esigue competenze telefonistiche, è uno con il software coi controcoglioni, esteticamente mi turba abbastanza e poi quel font, eh, ma vedo che ci siamo capiti (secondo me tu ce la puoi fare, e sarebbe il mio secondo concorso che vinci)

Commento di laclauz

e infatti ho parlato di tutte le conseguenze del caso, a proposito del cambio di telefono.Come ho già detto a giugnor, ci sono cose che vanno affrontate, soprattutto trascorsi tre anni dalle svolte epocali. Io, comunque, cos’e’ un post tecnologico lo so benissimo, solitamente è un post composto da parole incomprensibili, che fanno riferimento a concetti incògniti,e nel complesso, però, non si capisce una fava.
il tuo è un post psico-estetico, è evidente ;-P K.

Commento di utente anonimo

Commento di anonimomichele

Commento di anonimomichele

Commento di anonimomichele

è sicuramente un alcatel esay one touch. l’avevo anche io e lo odiavo perché mi si cancellavano i messaggi se qualcuno mi squillava (e da ciò ho capito). lo mollai a mia sorella quando il mio ex per farsela dare mi comprò il siemens c35. che bravo ragazzo cuzzi

Commento di Stormeyes

io oggi pomeriggio stavo per lasciare un commento.
poi sono andato a fumare e ora mi sono scordato cosa volevo scrivere. sicuramente una cazzata.
io a michele non ci ho detto niente, comunque:)

Commento di junior

beh, “devia” non lasciava adito a dubbi… con la foto ormai nemmeno più ci provo. Secondo me c’hai uno star tack di quelli che nemmeno google ti tira fuori… :-D

O forse no, ma googolare a volte può essere faticoso…

buonanotte!

Commento di NaN

K: questo è un post sulla tecnologia perché non parla degli interessantissimi fatti miei, ma solo dell’interessantissimo telefono mio, te capì? ;)

anonimomichele: che tutti questi li fanno uguali da tre anni? Se sì, cribbio che fantasia

Stormeyes: devi trovare la foto, che nescio nomen. Lo so che è dura ma siamo ai concorsi di laclauz, non stiamo mica qui a far ballare la scimmia®

junior: prima il dovere e poi il piacere, quante volte te lo devo dire?

NaN: si vede che hai avuto a che fare con un oggetto “deviante”, quindi per acquisire qualche nota di merito nel concorso devi trovare la foto giusta. efforza, che sei avvantaggiato.

ripassiamo le informazioni : si chiude, è uguale da tre anni, ha un software demenziale, da alcuni commenti sotto si può evincere che non è nokia… dai, direi che ce la si può fare.

Commento di laclauz

io mi considero la vincitrice. laclauz, puoi dir quel che ti par, ma io mi sento tale. e vaffanzù.
sbraitate pure, ora. io ho le mie intime convinzioni.

Commento di anonimomichele

Non ho la minima idea del modello del tuo cellulare. Il mio é pieno di ometti in divisa che mentre mi rassicurano e mi infilano una splendida camicia bianca a maniche lunghe dotata di braccialetti in acciaio veramente chic, inizia a chiamare nell’ordine:
Mamma;
Sorella;
Parroco;
Possibile prossima fidanzata.
Conferenza che solitamente inizia cosi: “Ma putt…. di quell… ‘Sti…”
Altro che “Pene”, gaffe a manetta!!!

Commento di lefoujumeau

Io lo so che telefono è….vale se lo dico?
S.

Commento di utente anonimo

capì, capì. E tuttavia secondo me il telefono è una metafora. Ecco.
Ciao giugnor! K.

Commento di utente anonimo

ciao K!
il telefono è più che una metafora, mcluhan ci sarebbe diventato pazzo coi cellulari.
(no, in realtà non volevo dire nulla di particolare, avevo l’irrefrenabile desiderio di citare mcluhan a proposito).
comunque questo post secondo me è una ficata e non l’ha capito nessuno.
che poveretti

Commento di junior

anonimomichele: tu hai avito le soffiate. Corrotta, vergogna

lefoujumeau: ma tu hai in rubrica il nome del parroco? È un nuovo sistema di reclutamento clericale, tipo le offerte tim, “filo diretto col parocco”?

S: siccome tu quoque fosti proprietario di analogo bizzarro oggetto direi che se posti la foto vinci una menzione (classico pat pat per chi non ha vinto promosedia)

K: ecco io ora lo capisco che giunior ti manca, ma ti diffido dall’usare questo augusto blogghe per scambiarti messaggi cicci cicci con giunior, pfui

junior: è proprio così, dei poveretti, pfui, la gggente è ppproprio pppesante (fottiti, bastardo con l’erre moscia!)

Commento di laclauz

prekrasnyj… direbbe piotr

Commento di paperageppo

laclauz non risponde ai messaggi nè pubblica un nuovo post nè si lamenta pubblicamente per la cronica carenza di commenti.

mi pare evidente che l’hanno rapita. facciamo una colletta su su.

Commento di Vertigoz




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...