ma anche no


l’efficienza è una cosa pericolosa.
17 febbraio 2005, 11:05
Filed under: mai piu senza

Una nuova figura si è introdotta nella mia già ben tapina vita. Questa persona, con cui sarò costretta a condividere una sostanziosa parte dei miei giorni a venire, è lo stagista zelante.
E’ un uomo del tipo di quelli che usano contemporaneamente nella stessa frase le parole fashion e fotomodello.

Lo stagista zelante è arrivato per la prima volta ieri pomeriggio.
Oggi al mio arrivo lo trovo fuori dalla porta, che si diletta nella lettura delle vite parallele di Plutarco con testo greco a fronte, presumibilmente coprendo la parte in italiano e traducendo all’impronta greco-tedesco.

Raggiante e privo di qualsiasi sentimento astioso, sta aspettando da circa un ora pur avendo le chiavi perché non voleva farci sentire in imbarazzo per essere in ritardo. Poi, io e lui nello studio vuoto, mi mostra degli schizzi preparatori per il progetto che abbiamo visto ieri sera, per ben mezz’ora, impedendomi di sollazzarmi con le mie usuali attività di alto livello culturale e architettonico del mattino. (colazione, lettura della posta e dei blog, scelta della playlist)
Io, seriamente preoccupata per la convivenza a venire, cerco di spiegargli i miei problemi di narcolessia, e lui gaudioso mi comunica che per lui è una gioia arrivare presto, che tanto dorme solo cinque ore per notte.

Allorché squilla il telefono e io sfogo il mio disappunto mattutino con dei versi suini destinati a qualche sconosciuto che deve aver percepito il dramma in atto e inizio la mia arringa contro tutti quelli che telefonano e lui in un esplosione di giubilo mi annuncia che adora rispondere al telefono. Non solo: tutto il giorno risponderà al primo squillo, illustrando nome e indirizzo dello studio che manco i messaggi preregistrati di telecom.

Quando cerco di fornirgli una lista delle linee telefoniche interne, mi annuncia che se l’è già preparata.
Ovvio, mentre ridipingeva la facciata dell’edificio stanotte avrà pure dovuto fare una pausa.

Poi mi ha chiesto che stavo facendo.
Gli ho detto, cercando di tagliare corto: un allestimento.
Lungi dal decidere allora di recarsi al suo pc e accendere MSN, ha voluto vedere e commentare tutto il mio lavoro e quelli degli anni precedenti e quando nella mia memoria si è aperta una falla riguardo location del 1987, lui mi è subito corso in aiuto perché sapeva che era lo studio super più, dato che va sempre al salone del mobile.

Probabilmente domani lo troverò che mi sta iscrivendo a un concorso per scrittori dopo aver letto questo post.
Gesù.

Annunci

15 commenti so far
Lascia un commento

ahah povera te!
guarda un pò che, dopo anni e anni di duro lavoro architettonico, il fashion super informato designer ti spodesta della seggiola?
se si scopre pure che è parente di fuksas e scrive su casabella, distruggilo con una sediata in fronte.

Commento di camilla_lo

ah, e soprattutto, non lo mandare mai a napoli!!

Commento di camilla_lo

scoprirai il suo unico, ma vitale, punto debole…e allora sì che ti divertirai un casino!

Commento di 7denari

camilla_lo: succederà. lo sento.quando hai detto che è il concorso è per l’assunzione di n.15 impegati nelle attività di accoglienza e relazioni col pubblico nell’agenzia delle entrate, con requisito titolo di diploma di scuola media?

7denari: il problema è che il punto debole degli architetti è solitamente l’efficienza,
ma questo fa il designer, quindi la vedo dura. Molto dura.

Commento di laclauz

spara imbocca

nan

Commento di utente anonimo

Prova con la kriptonite…..magari quella del motorino, dagliela in testa!!
S.

Commento di utente anonimo

Chissà se è altrettanto e gaudioso e zelante con una scopa nel culo mentre gironzola per lo studio e contemporaneamente spazza per terra…

Commento di streghetta

NaN:pronta!

S.: temo che potrebbe rispondere gioioso che anche lui è un fan di superman

streghetta: probabilmente accompagna il tutto con un ilare e buonista rap alla jovanotti sull’utilità di una pratica che facilita dell’evacuazione nonché garantisce il sostegno della colonna vertebrale. Non mi stupirei affatto.

Commento di laclauz

pesanteeee

Commento di jiii

Ma in fondo, che ci frega? BAsta ripetersi “Amo me stessa, le mie imperfezioni, la mia unicità”

Commento di streghetta

come sei affascinante nei panni di bond-girl! ;-)

Commento di NaN

Streghetta, te l’hanno insegnato all’anonima alcolisti ? ;-)

Commento di Vertigoz

wuahauahahuhauhau :’D

Commento di camilla_lo

no vertigoz, all’alcolisti tutt’altro che anonimi. :)

Commento di streghetta

jiii: sì. lo è. davvero.

streghetta: eccome no! e fosse mai ce lo dimenticassimo, bisognerebbe progettare un oggetto dal design raffinato e dai colori sobri, qualcosa ispirato a un collare di cane…

NaN: mi sto allenando per la celebre charlie’s angels mission calabria, mica pizza e fichi

Vertigoz: sei proprio l’ultimo, come puoi confondere i più recenti e innovativi ritrovati della moda con una volgare obsoleta associazione plebea?

camilla_lo: lo so, è terribilmente bello ridere delle disgrazie altrui, apposta non mi perdo una puntata di the club

Commento di laclauz




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...